I Magnifici prodotti della Val di Fiemme

Tradizione e gusto

Descrizione

Durata: 1 giorno

Periodo: tutto l'anno (la disponibilità di alcune produzioni varia a seconda della stagione)

Località coinvolte: Cavalese, Daiano, Varena, Carano, Castello di Fiemme, lago di Tesero, Predazzo

Target/ Adatto a: coppie, gruppi, famiglie con bambini

Tematica: visita ai luoghi di produzione (formaggi, miele, birra artigianale, speck, carni di capra, pasta) 

Descrizione

Terra di antiche tradizioni e sede della Magnifica Comunità, la Val di Fiemme svela prodotti rinomati, come il Formae Val di Fiemme ed il Puzzone di Moena DOP, ma non solo. Tante chicche enogastronomiche da scoprire, in auto o in bicicletta, tutte protagoniste anche di golosi eventi e rassegne gastronomiche che si svolgono prevalentemente nel mese di settembre. 

Le tappe

Nel centro di Cavalese, dopo una visita al Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, si possono gustare da Cose Buone da Paolo alcune particolari torte, frutto di antiche ricette rivisitate. La più sfiziosa è forse quella alla Birra di Fiemme, prodotta dall'omonimo birrificio nel vicino paese di Daiano luogo da non perdere, insieme a Varena, per gli amanti di speck e lucaniche. I due indirizzi da segnare in agenda sono: Il Maso dello Speck (a Daiano) e la Macelleria Dagostin (a Varena o in alternativa a Castello di Fiemme) che produce anche carni e salumi di capra derivanti da una razza autoctona.  

Si prosegue verso Carano per fare tappa al Caseificio Sociale Val di Fiemme che confeziona caprini freschi e stagionati e il Formae Val di Fiemme. Scendendo a Castello di Fiemme si notano decine di arnie: qui, come in tutta la vallata, le api producono l’ottimo miele millefiori in vendita presso i numerosi apicoltori locali o nelle botteghe di prodotti tradizionali della Valle. In questa zona si possono trovare anche i gustosi lamponi e piccoli frutti dell' Agritur Maso Corradini. Proseguendo sulla statale di fondovalle  (se siete in bici percorrete la comoda e panoramica ciclabile) in direzione Tesero (all'altezza dello Stadio del Fondo del Lago di Tesero)  merita una visita la Az. Agricola Delladio, un mondo interamente dedicato alle capre, dalla carne ai prodotti cosmetici come le nutrienti creme viso e corpo a base di latte di capra.  

Consigliata per chi volesse allungare un po' il percorso (circa 1 ora in più tra andata e ritorno in auto, mentre se volete percorrere la strada in bici occorre essere allenati poichè c'è un tratto piuttosto in salita!) una deviazione a Valfloriana. Nella frazione di Sicina si trova infatti l' Agritur Fior di Bosco dove potrete assistere alla lavorazione di gustosi formaggi biologici, come il Nostrano d'Inverno o le prelibate caciotte, prodotti con latte di razza Grigio Alpina, oggi Presìdio Slow Food. Qui è anche possibile pranzare e pernottare. 

In estate potrete anche raggiungere (in auto o con una passeggiata di circa 1 ora e 30) Malga Sass, luogo di alpeggio ma anche un'ottima cucina. Qui sarà anche possibile scoprire il mondo del miele grazie alla presenza di un'arnia didattica. 

Dal Lago di Tesero si prosegue (per chi è in bicicletta, sempre su pista ciclabile) in direzione Predazzo. Per chi non rinuncia mai ad una grappa a fine pasto, merita una tappa l'abitato di Panchià. Qui Massimo Donei produce delle tradizionali grappe artigianali davvero particolari, realizzate con piante e frutti raccolti sul territorio. L'Ones è il nome del laboratorio dove potrete fare anche una visita guidata. 

Lasciato Panchià sin prosegue verso l'ultima tappa: Predazzo. Qui il Puzzone di Moena DOP, prodotto dal Caseificio di Predazzo e Moena, si sposa con la celebre pasta Felicetti che, dal 1908, trova la sua qualità nella purezza dell’acqua che sgorga dalle cime circostanti. 

 

 

Navigando il sito tastetrentino.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.