1. Facebook
  2. Twitter
  3. Instagram
  4. Google +
  5. Pinterest

Local street food nei piccoli borghi di primiero

Local street food nei piccoli borghi di primiero

Descrizione

Local street food nei piccoli borghi di primiero

Fiera di Primiero, Mezzano, Pieve

Per chi è alla ricerca di un tour tra gusto e cultura, quella legata alla storia e alle tradizioni, agli angoli nascosti e alle chicche gastronomiche, nel cuore di Primiero. 

COLAZIONE E PASSEGGIATA IN UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA

Per iniziare al meglio la giornata, si comincia con un pieno di energia alla Pasticceria Lucian: krapfen e brioches artigianali (alla domenica anche un buonissimo pane con lievito madre), ma anche strudel e ciambelle. Davvero l’imbarazzo della scelta per iniziare al meglio. 

A pochi metri da qua, di preciso di fronte al Caseificio di Primiero, potete lasciare la vostra auto per averla comoda al ritorno quando non mancherà la voglia di fare scorta di formaggi da portare a casa. 

Si prosegue in direzione Molarèn, strada poco trafficata che sovrasta la vallata tra prati, stalle e capitelli fino a raggiungere Mezzano, uno dei Borghi più belli d’Italia, che vi incanterà con le sue cataste e canzèi. Se per caso vi capiterà di scovare tra le viuzze una seggiolina rossa in legno, suonate il campanello che troverete sopra: una simpatica e autoctona guida comparirà davanti ai vostri occhi per raccontarvi storie e curiosità del paese: dagli stòli all’arco dei Micheli fino alla vecchia lisìera, tutto ancora visitabile. 

RITORNO LUNGO LA CICLOPEDONALE CON PRANZO A FIERA DI PRIMIERO

Dal centro storico d Mezzano dirigetevi verso il campo sportivo per oltrepassare il torrente Cismon e risalire (si fa per dire visto che il percorso è pianeggiante) verso Fiera di Primiero. 

Qui, proprio nel suo centro pedonale, vi aspetta un pranzo molto particolare: gli amici del Burger Bistrò 2.0 sapranno stupirvi con i loro super Hamburger con pane artigianale locale e prodotti del territorio: da non perdere assolutamente il Local Taste Burger con Tosèla di Primiero alla piastra, oppure il Pulled Pork con spalla di maiale e formaggio Primiero stagionato. Per chi non ama gli hamburger ci sono diverse alternative: dai club sandwich alle insalatone, ma alcuni piatti del giorno preparati dallo chef Stefano. Per il dolce vi basterà fare due passi, di numero, per immergervi in un ottimo gelato artigianale della Gelateria Il Sorriso, da gustare anche con crepes o waffles. Per i gusti avrete l’imbarazzo della scelta, che si arricchisce a seconda delle stagioni: se per l’estate non potete perdere il gusto al Botìro di Primiero di malga e giasene, piuttosto che i sorbetti di frutta dell’Agritur Dalaip dei Pape, in autunno imperdibile zucca e amaretti così come yogurt e marron glacè. 

POMERIGGIO TRA SAPERI E SAPORI DELL’ANTICA PIEVE

Ora che avete recuperato un po’ di forze il consiglio è di raggiungere con una breve passeggiata il centro di Pieve. Qua meritano una visita il Palazzo delle Miniere e il Palazzo del Dazio, oltre alla Chiesa Arcipretale, costruita in stile gotico da operai minatori, detti Canopi, alle dipendenze del Conte Welsperg nel 1400. 

Terminate le visite, l’ora della merenda chiama. La tappa comoda e consigliata è la Pasticceria Simion dove potrete gustare una delle migliori Sacher della vostra vita. Per chi non ama il cioccolato ottima anche la crostata con crema e fragoline di bosco così come la particolarissima torta di ricotta o il classico strudel. 

SHOPPING DI GUSTO PRIMA DI RIPARTIRE

Per i vostri souvenir di gusto, lo shopping continua con altre due tappe imperdibili: l’Angolo del Gusto della Macelleria Bonelli, sempre nel centro di Fiera di Primiero, che vi stupirà con i suoi salumi e prodotti a base di carne, tutti senza glutine e lattosio. Insuperabile lo speck con i fiori di Primiero o la tradizione carne fumada di Siror.

E’ giunto il momento di ritornare alla base dove avete lasciato la vostra auto. Qui, ve lo avevamo detto all’inizio, potete fare scorta, di formaggi locali grazie alla vasta scelta che troverete al Caseificio di Primiero. L’autunno è il momento ideale per un buon Primiero di Malga o Trentingrana con latte d’alpeggio. 

Ora siete belli carichi, di colori, profumi e cose buone per tornare a casa o scegliere di proseguire la vostra vacanza facendo tappa in valle in un bell’hotel o in un accogliente B&B. 

Martedì e sabato, potete anche chiudere in bellezza con un’interessante visita guidata al Birrificio Bionoc’, su prenotazione, alle ore 17.00. 

APERTURE AUTUNNALI E CONSIGLI PRATICI 

La giornata ideale per percorrere questo tour è il sabato, in modo da trovare aperte tutte le tappe segnalate, anche nei mesi di ottobre e novembre. 

Di seguito aperture e chiusure nel periodo autunnale così che possiate organizzarvi al meglio: 

Pasticceria Lucian, chiusa per ferie fino al 30/10/20, poi aperta tutti i giorni eccetto il lunedì. 

Burger Bistrò, chiuso il mercoledì

Gelateria il Sorriso, aperta tutti i weekend, anche a ottobre e novembre

Visite a Palazzo delle Miniere e Palazzo del Dazio, info a 0439 62515

Angolo del Gusto Bonelli, chiuso giovedì e domenica pomeriggio 

Pasticceria Simion, chiuso martedì 

Caseificio di Primiero, chiuso il giovedì. Aperto anche domenica mattina fino a fine ottobre. 

Visite guidate al Birrificio Bionoc’, info e prenotazioni: https://www.birrificiobionoc.com/visita-birrificio/ 

DOVE DORMIRE IN AUTUNNO

Per questo itinerario si consiglia il B&B Canonega Vecia nel centro di Fiera di Primiero, immerso nella bellissima frazione di Pieve. Sempre aperto. 

Ricette

Navigando il sito tastetrentino.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.