Cammini del gusto | Via Romea Germanica

Piana Rotaliana, Valle dell’Adige, Trento, Valsugana
Durata: 5 giorni
Lunghezza totale: 82 km (escluse le soste del gusto)
Periodo: primavera ed autunno

Ecco un percorso che mixa storia ed enogastronomia: nel tratto trentino, la via Romea Germanica si mescola ad un ideale percorso del gusto attraverso i soci della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino.
Attraverso questa proposta passerai dalla Piana Rotaliana - territorio per antonomasia vocato alla produzione di vino - alla Valsugana, zona che si lega alla produzione di mele, piccoli frutti e mais, passando per la zona di Trento, luogo d'elezione per la produzione del metodo classico trentino. 

La via Romea Germanica ha una lunghissima storia: la leggenda narra che Alberto di Stade colse l’occasione, grazie ai suoi numerosi viaggi tra la Sassonia e Roma per incontrare il Papa, di raccontare e trascrivere dei suoi lunghi viaggi verso l’Italia. Nei suoi scritti diede tutta una serie di informazioni “utili” per organizzare al meglio un viaggio che, nel 1200, era assai complesso:
indicò quindi le soste migliori, le strade da praticare, le distanze delle singole tappe in un percorso che collegava – sul terreno italiano – Bolzano, Trento, Padova, Orvieto e quindi Roma.
Ecco quindi accompagnati da una sorta di guida ante litteram, si andava creando il percorso definito come via Romea Germanica – lungo più di 2000 km tra Germania e Italia. Di questi poco poco meno di 100 toccano il Trentino, in un percorso che collega Cadino di San Michele all'Adige a Grigno in Valsugana per poi passare in Veneto.

Il percorso diventa così un’esperienza che fa conoscere a te “pellegrino” aspetti fondamentali di un territorio quali la natura e la cultura senza dimenticarsi naturalmente del gusto!
Lungo la Via Romea Germanica avrai così la possibilità di fare tappa presso gli associati della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino per costruire un Cammino del gusto da scoprire passo passo!

I prodotti da non perdere lungo il percorso:
in questo Cammino del gusto sono il Teroldego Rotaliano Doc, il Trentodoc, la Grappa trentina, l'Asparago bianco di Zambana, le mele, i piccoli frutti e il Mais Spin della Valsugana

Tappa 1: Cadino di San Michele all'Adige - Lavis 
Distanza: 17 km. 

La prima tappa, parte dal confine con l'Alto Adige all'altezza di Cadino: il panorama, come potrai ammirare, è caratterizzato sui clivi più in alto da freschi boschi, e nel fondovalle soprattutto da grandi estensioni di vigneti: siamo infatti nella nota Piana Rotaliana - il cui vino emblema è il Teroldego Rotaliano Doc!  Non perderti quindi, una sosta in cantina (o in distilleria) per assaggiare i vini di questa zona. 

Soste del gusto 1:
Tra le cantine che incontrerai, segnati lungo questo percorso queste realtà ovvero EndrizziFondazione E. MachAzienda Agricola Roberto Zeni, Villa Persani Azienda Agricola Clementi Silvano e una volta arrivato a Lavis, Azienda agricola BrugnaraCantine Monfort Cantina La Vis

Soste del gusto 2:
Inoltre per il momento del pranzo o dello spuntino, ci sono alcune soluzioni interessanti come il Ristorante La Cacciatora o la Trattoria Vecchia Sorni 
Non dimenticarti di assaggiare una prodotto unico come l'Asparago bianco di Zambana da AS.T.A. Asparagicoltori Trentini Associati

Sosta della cultura:
Tra un passo e l'altro se vuoi scoprire il mondo che sta "dietro" le tradizioni agricole, pastorali e il folklore del Trentino... non perderti una visita al Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina a San Michele all'Adige 

Dove dormire 1:
Vuoi partire con le batterie cariche al massimo? ti suggeriamo allora di trascorrere la notte precedente al cammino, a La Ferrata affittacamere 

 

 

TAPPA 2: Lavis - Trento
Distanza: 9,1 km


Questa seconda tappa - sicuramente più breve rispetto alla media del percorso- permette di collegare il centro di Lavis al capoluogo, Trento.
A colpo d'occhio, ti accorgerai di essere sempre circondato da vigneti. In questo caso, il prodotto emblema di Trento - ma anche di tutto il Trentino - è il Trentodoc : non dimenticarti di brindare alle tue "fatiche" con un calice del nostro metodo classico per eccellenza!

Sosta del gusto 1:
Per caricare le batterie - prima di avviarci lungo il percorso - ti consigliamo una sosta alla Pasticceria Bronzetti Marco oppure alla Gelateria Serafini  o se vuoi arricchire il tuo zaino con golosità da gustare lungo il percorso, segnati queste realtà ovvero Arturo Paoli Specialità AlimentariCarni e Salumi Trojer Latte Trento

Sosta della cultura 1:
Prima di lasciare Lavis ti consigliamo una visita al Giardino dei Ciucioi o Giardino Bortolotti (a cura dell'Ecomuseo Argentario)  

Sosta del gusto 2:
Una volta arrivati a Trento, ricordati che possiamo consigliarti diverse strutture per la cena in alcuni ristoranti del centro città come la Locanda Le Due TraviRistorante al Vo'Antica Trattoria Due MoriScrigno del Duomo o ancora Osteria a "le due spade" 

Dove dormire 1: 

Tra i soci della Strada, in questo caso possiamo suggerirti anche un paio si soluzioni per trascorrere la notte come BB Locanda le Due Travi o l'Hotel America

Tappa 3: Trento - Levico Terme
Distanza: 21,90 km.

Sicuramente questa è la tappa più complessa: al di là della lunghezza infatti, il dislivello è importante poiché sarà il percorso che ti permetterà di lasciare la Valle dell'Adige ed entrare in Valsugana. Dal punto di vista  panoramico il colpo d'occhio sarà notevole: dai vigneti passando per le ultime frazioni di Trento, frammiste a orti e frutteti attraverserai alcuni percorsi immersi nel bosco e quindi potrai ammirare il panorama sulla Valsugana.

Soste del gusto 1:
Ecco quindi che prima di partire di consigliamo alcune utili tappe per ricaricarti per bene con una super colazione al Panificio Moderno Piazza Lodron 21 (dove potrai fare anche qualche utile e goloso acquisto da consumare lungo il viaggio), al Bar Pasi o al bar della Locanda Le Due Travi 

Soste del gusto 2:
Una volta arrivati a Pergine Valsugana puoi fermarti al punto vendita di Latte Trento  oppure sostare con calma presso il Ristorante Antiche Contrade.
Durante tutto il percorso non dimenticarti di assaggiare l'Acqua Levico 
Il percorso termina quindi a Levico Terme: per la cena - come sosta del gusto - ti suggeriamo di mangiare al Ristorante Boivin - nel centro cittadino.

Dove dormire 1:
Per trascorre la notte abbiamo un paio di buoni consigli, nel cuore di Levico Terme, ovvero l'Hotel Eden e il B&B Alla Loggia dell'Imperatore 

TAPPA 4: Levico Terme - Borgo Valsugana
Distanza: 15 km

Questa tappa segue in gran parte il fondovalle, ma non per questo risulta essere "meno panoramica":
potrai ammirare vigneti, frutteti (soprattutto meleti) ma anche campi di piccoli frutti.
Inoltre - caratteristica unica della zona- potrai osservare nella stagione giusta, i campi di mais spin - una varietà unica di granturco che cresce qui. 

Sosta del gusto:
Prima di arrivare nel centro di Borgo Valsugana ti suggeriamo di visitare il Birrificio degli Arimanni per una visita, naturalmente con degustazione!

Tappa 5: Borgo Valsugana - Grigno
Distanza: 18,30 km

Il cammino sta per concludersi ma servono ancora poco più di 18 km per arrivare a Grigno! 
Anche in questa parte di Valsugana potrai ammirare campi coltivati a frutteto che mano a mano lasciano spazio a contesti immersi nel verde dei boschi.

Sosta del gusto
: prima di lascare Borgo Valsugana, ti consigliamo una visita al punto vendita di Latte Trento per arricchire il tuo zaino con qualcosa di buono per il pranzo. 
E una volta arrivati a Grigno non dimenticarti di assaggiare i salumi di Carni e Salumi Meggio o i formaggi di Casearia Monti Trentini

Consigli di viaggio

- Prima di partire, ti consigliamo di prenotare sia le tue soste enogastronomiche che il posto letto.

- Se hai bisogno di una proposta vacanza completa non esitare a contattarci:
  Strada del Vino e dei Sapori del Trentino - tel. 0461-921863 - info@stradavinotrentino.com 

Vorresti percorrere la via Romea Germanica in compagnia di un accompagnatore di mezza montagna che ti racconti le caratteristiche del territorio durante il trekking? Contatta Albatros e verifica la loro
disponibilità.

Il rientro

Puoi organizzare il viaggio di rientro in diversi modi:

1. ripercorre a piedi il viaggio fatta all'andata

2. se sei in gruppo puoi organizzarti con due auto, lasciandone una al punto di partenza e una al punto di arrivo

3. rientrare con i mezzi pubblici e quindi in bus o in treno fino a Trento (trentinotrasporti.it) e da qui, prendere gli autobus di linea direzione Val di Fiemme/ Val di Fassa - Linea B104 (trentinotrasporti.it)
 

Note per le strutture ricettive

Non tutte le tappe del Via Romea Germanica tra Cadino e Grigno, hanno strutture ricettive associate alla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino

Cliccando qui trovate l'elenco delle strutture convenzionate con la Via Romea Germanica; alcune operano in territori caratterizzati da una forte stagionalità turistica, si consiglia quindi di contattarle in anticipo per verificarne la disponibilità, soprattutto nei periodi estivi.

Indicazioni sulla sicurezza

Prima di partire non dimenticarti di verificare le condizioni del percorso contattando gli uffici turistici del Consorzio Turistico Piana Rotaliana Konigsberg, APT Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi, Apt Valsugna.

Se parti nei mesi invernali, ricordati di verificare anche se il percorso è innevato o meno.

Attrezzatura

Il trekking è impegnativo, portati solo il necessario, ma non dimenticare scarponcini e racchette. 
Lo zaino ideale dovrebbe pesare attorno ai 6 kg.

 

 

Esperienze

Eventi

Scopri le Esperienze
Navigando il sito tastetrentino.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.